Paziente Anziano con neoplasia polmonare
Controversies in Genitourinary Tumors
Melanome
Tumore rene

Iperprogressione durante la terapia con anti-PD-1 o con anti-PD-L1 nei pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ricorrente e/o metastatico 


Pembrolizumab ( Keytruda ) e Nivolumab ( Opdivo ) sono inibitori del checkpoint immunitario mirati a PD-1 che sono stati recentemente approvati nei pazienti pretrattati con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo ricorrente e/o metastatico ( R/M HNSCC ).
Nella clinica, alcuni pazienti sembrano non solo non trarre benefici dagli agenti anti-PD-L1 / anti-PD-1, ma piuttosto avere un'accelerazione della cinetica di crescita tumorale.

È stata retrospettivamente confrontata la cinetica della crescita tumorale durante l’immunoterapia e la cinestica della crescita tumorale all'ultimo trattamento nei pazienti con carcinoma a cellule squamose de testa-collo ricorrente e/o metastatico, trattati con inibitori PD-1 / PD-L1 in quattro Centri francesi.

È stato calcolato il rapporto TGK ( TGKR, rapporto tra pendenza della crescita del tumore prima del trattamento e pendenza della crescita del tumore durante il trattamento ).
L'iperprogressione è stata definita come TGKR maggiore o uguale a 2.

Dal 2012 al 2015 sono stati identificati 34 pazienti. I modelli di ricorrenza hanno incluso ricorrenza esclusivamente loco-regionale in 14 pazienti, metastasi esclusivamente distanti in 11 pazienti ed entrambe in 9 pazienti.
Non è stata osservata alcuna pseudo-progressione.

L'iperprogressione è stata osservata in 10 pazienti ( 29% ), inclusi 9 pazienti con almeno una recidiva locoregionale e solo 1 paziente con metastasi esclusivamente distanti.

L'iperprogressione è risultata correlata significativamente a una recidiva regionale ( TGKR maggiore o uguale a 2: 90% vs TGKR inferiore a 2: 37%, P=0.008 ), ma non con recidiva locale o distante.

L'iperprogressione è stata associata a una più breve sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) secondo i criteri RECIST ( P=0.003 ) e irRECIST ( P=0.02 ), ma non con la sopravvivenza complessiva ( P=0.77 ).

In conclusione, l'iperprogressione è stata osservata nel 29% dei pazienti con carcinoma a cellule squamose del testa-collo ricorrente e/o metastatico, trattati con farmaci anti-PD-L1 / anti-PD-1, ed era correlata a una più breve sopravvivenza libera da progressione.
Si è verificata nel 39% dei pazienti con almeno una recidiva locoregionale e nel 9% dei pazienti con metastasi esclusivamente distanti.
Non sono state segnalate pseudo-progressioni.
I meccanismi e la causalità dell'iperprogressione dovrebbero essere ulteriormente valutati con studi prospettici controllati. ( Xagena2017 )

Saâda-Bouzid E et al, Ann Oncol 2017; 28: 1605-1611

Neuro2017 Med2017 Onco2017 Farma2017


Indietro