Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Controversies in Genitourinary Tumors
OncoDermatologia
Tumore rene

Sopravvivenza tra pazienti CT1-2 N1-2b negativi per il papillomavirus con tumore orofaringeo a cellule squamose trattati con chirurgia di prima linea versus chemioradioterapia definitiva


Il carcinoma orofaringeo a cellule squamose ( OPSCC ) negativo al papillomavirus umano ( HPV ) ha mostrato resistenza alla terapia convenzionale con chemioradiazione concomitante ( CRT ) e ha una prognosi relativamente sfavorevole rispetto alla malattia HPV-positiva, con ridotto controllo locoregionale e minore sopravvivenza globale ( OS ).

Si è determinato se la resezione chirurgica di prima linea migliori la sopravvivenza complessiva in un grande campione nazionale confrontando gli esiti di sopravvivenza tra i pazienti con carcinoma orofaringeo a cellule squamose cT1-2 N1-2b HPV-negativi di nuova diagnosi trattati con resezione chirurgica primaria rispetto a concomitante chemioradiazione. L’esito principale dello studio osservazionale era la sopravvivenza globale.

Sono stati identificati 1.044 pazienti, di cui 460 ( 44.1% ) hanno ricevuto un intervento chirurgico iniziale e 584 ( 55.9% ) hanno ricevuto chemioradiazione. 
L'età media era di 59 anni; 812 pazienti erano di sesso maschile ( 77.8% ), 232 erano di sesso femminile ( 22.2% ).

Il follow-up mediano è stato di 30 mesi. Circa il 59% dei pazienti chirurgici ha ricevuto chemioradiazione adiuvante.

La chirurgia iniziale non è risultata associata a un aumento della sopravvivenza globale rispetto alla chemioradiazione ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.01, P=0.93 ).
L’abbinamento per punteggio di propensione ha identificato una coorte di 822 pazienti e ha dimostrato una sopravvivenza globale equivalente ( HR=1.14, P=0.46 ).

La mancanza di beneficio per la sopravvivenza globale con la chirurgia iniziale è persistita in una analisi di sottogruppi di pazienti con resezione margine-negativa ( HR=0.97, P=0.88 ).

In conclusione, in questo studio osservazionale, la sopravvivenza globale è risultata simile per i pazienti con carcinoma orofaringeo negativo per HPV trattati con chirurgia primaria rispetto a chemioterapia e radioterapia concomitanti.
La maggior parte dei pazienti chirurgici ha ricevuto terapia trimodale con chemioradioterapia adiuvante.
I dati potrebbero avere implicazioni per la ricerca futura concentrandosi sulla selezione ottimale dei pazienti per la chirurgia. ( Xagena2017 )

Kelly JR et al, JAMA Oncol 2017; 3: 1107-1111

Inf2017 Neuro2017 Med2017 Onco2017



Indietro