Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
OncoGeriatria

Adenocarcinomi con mutazione EGFR che si trasformano in tumore polmonare a piccole cellule e altri carcinomi neuroendocrini: esiti clinici


Circa il 3-10% dei tumori del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) EGFR-mutati subiscono la trasformazione in tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ), ma il loro decorso clinico è scarsamente caratterizzato.

Sono stati identificati retrospettivamente i pazienti con tumore SCLC EGFR-mutato e altri carcinomi neuroendocrini di alto grado osservati presso 8 Centri.
Sono stati analizzati demografia, caratteristiche della malattia ed esiti.

Sono stati inclusi 67 pazienti, di cui 38 donne e 29 uomini; le mutazioni EGFR includevano la delezione dell'esone 19 ( 69% ), L858R ( 25% ) e altre ( 6% ).

Alla diagnosi iniziale di tumore del polmone, 58 pazienti avevano tumore NSCLC e 9 avevano tumore SCLC de novo o istologia mista.
Tutti tranne questi 9 pazienti hanno ricevuto uno o più inibitori della tirosin-chinasi di EGFR prima della trasformazione in tumore SCLC.
Il tempo mediano alla trasformazione era di 17.8 mesi.

Dopo la trasformazione, sia il trattamento con Platino ed Etoposide che con taxani hanno prodotto alti tassi di risposta, ma nessuno dei 17 pazienti che hanno ricevuto l'immunoterapia ha avuto una risposta.
La sopravvivenza globale mediana dalla diagnosi è stata di 31.5 mesi, mentre la sopravvivenza mediana dal momento della trasformazione in tumore SCLC è stata di 10.9 mesi.

59 pazienti hanno subito una genotipizzazione tissutale alla prima evidenza di tumore SCLC. Tutti hanno mantenuto la mutazione EGFR fondante, e 15 su 19 con precedente positività EGFR T790M erano T790 wild-type alla trasformazione.

Altre mutazioni ricorrenti hanno incluso TP53, Rb1 e PIK3CA.

In alcuni casi è stata identificata la riemersione dei cloni di tumore NSCLC.

Le metastasi del sistema nervoso centrale sono risultate frequenti dopo la trasformazione.

V'è crescente consapevolezza che il carcinoma al polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato possa subire trasformazioni a carcinoma al polmone a piccole cellule.
È stato dimostrato che questo si verifica in media 17.8 mesi dopo la diagnosi e i casi sono spesso caratterizzati da mutazioni Rb1, TP53 e PIK3CA.
Le risposte a Platino - Etoposide e taxani sono frequenti, ma gli inibitori del checkpoint non hanno prodotto risposte.
Sono necessarie ulteriori indagini per chiarire meglio le strategie ottimali per questo gruppo. ( Xagena2019 )

Marcoux N et al, J Clin Oncol 2019; 37: 278-285

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro