Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Alectinib nel cancro del polmone non-a-piccole cellule ALK-positivo, resistente a Crizotinib


Alectinib ( Alecensa ), un inibitore ALK altamente selettivo, attivo a livello del sistema nervoso centrale ( CNS ), ha mostrato attività clinica promettente nei pazienti naive a Crizotinib ( Xalkori ) e resistenti a Crizotinib con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ALK-riarrangiato ( ALK-positivo ).

Uno studio ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Alectinib nei pazienti con tumore NSCLC ALK+ progredito durante un precedente trattamento con Crizotinib.

È stato effettuato uno studio di fase 2 in 27 Centri negli Stati Uniti e in Canada.
Sono stati arruolati pazienti di età uguale o superiore a 18 anni con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio IIIB-IV, ALK-positivo progredito dopo Crizotinib.

I pazienti sono stati trattati con Alectinib 600 mg, per os, due volte al giorno fino a progressione, decesso, o ritiro.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta obiettiva utilizzando i criteri RECIST versione 1.1.
Gli endpoint di risposta sono stati valutati nella popolazione con risposta valutabile ( ad esempio, i pazienti con malattia misurabile al basale che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio ), e le analisi di efficacia e sicurezza sono state fatte nella popolazione intention-to-treat ( tutti i pazienti arruolati ).

Tra il 2013 e il 2014, sono stati arruolati nello studio 87 pazienti ( intention-to-treat ).

Al momento dell'analisi primaria ( follow-up mediano 4.8 mesi ), 33 dei 69 pazienti con malattia misurabile al basale avevano una risposta parziale confermata; in tal modo, la proporzione di pazienti che hanno raggiunto una risposta oggettiva è stata del 48%.

Gli eventi avversi sono stati principalmente di grado 1 o 2, più comunemente costipazione ( 31, 36% ), affaticamento ( 29, 33% ), mialgia ( 21, 24% ), ed edema periferico ( 20, 23% ).
I più comuni eventi avversi di grado 3 e 4 sono stati cambiamenti nei valori di laboratorio, tra cui un aumento della creatina fosfochinasi ematica ( 7, 8% ), aumento della alanina aminotransferasi ( 5, 6% ), e aumento della aspartato aminotransferasi ( 4, 5% ).

2 pazienti sono morti: uno ha avuto una emorragia ( giudicata relativa al trattamento ), e uno ha avuto progressione della malattia con una storia di ictus ( giudicata non-correlata al trattamento ).

Alectinib ha mostrato attività clinica ed è stato ben tollerato nei pazienti con tumore NSCLC ALK-positivo che era progredito durante il trattamento con Crizotinib.
Pertanto, Alectinib potrebbe rappresentare un trattamento adeguato per i pazienti con malattia ALK+ che hanno progredito durante terapia con Crizotinib. ( Xagena2016 )

Shaw AT et al, Lancet 2016; 17: 234-242

Onco2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro