Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Associazione tra autoanticorpi neuronali e deterioramento cognitivo nei pazienti con tumore al polmone


Le sindromi neurologiche paraneoplastiche sono associate ad autoanticorpi neuronali e alcuni di questi autoanticorpi sono associati a sintomi neuropsicologici. Il tumore sottostante più comune è il cancro ai polmoni.
L'associazione di autoanticorpi neuronali con deficit cognitivi non è stata studiata sistematicamente nei pazienti con tumore polmonare a piccole cellule ( SCLC ) e tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ).

È stata valutata la frequenza degli autoanticorpi neuronali nei pazienti con tumore polmonare ed è stata analizzata la loro associazione con la funzione cognitiva.

Uno studio prospettico e trasversale ha incluso 167 pazienti con carcinoma al polmone ( sia SCLC che NSCLC ) reclutati in un unico Centro per il tumore del polmone a Berlino, in Germania, tra il 2015 e il 2016.

Sono stati eseguiti test neuropsicologici dettagliati in un sottogruppo accuratamente selezionato di 97 pazienti da cui sono stati esclusi i pazienti con potenziali fattori confondenti.
I ricercatori non conoscevano lo stato degli autoanticorpi dei pazienti e i risultati dei test cognitivi.

Gli esiti principali erano la prevalenza degli autoanticorpi neuronali e loro associazione con il deterioramento cognitivo.
È stata eseguita la valutazione degli autoanticorpi come potenziali fattori di rischio per il deterioramento cognitivo.

Tra 167 pazienti con tumore del polmone ( età media, 66.0 anni; 105 uomini, 62.9% ), 127 avevano tumore NSCLC e 40 avevano tumore SCLC.
Gli autoanticorpi diretti al cervello sono stati rilevati in 61 dei 167 pazienti ( 36.5% ); 33 pazienti ( 19.8% ) avevano autoanticorpi noti e 28 pazienti ( 16.8% ) avevano autoanticorpi contro antigeni attualmente sconosciuti che sono stati rilevati mediante analisi immunoistochimica.
Il deterioramento cognitivo è stato riscontrato in 65 pazienti su 97 ( 67.0% ).

Tra i pazienti con tumore polmonare a piccole cellule, la probabilità di deterioramento cognitivo per quelli con qualsiasi autoanticorpi è stata 11 volte più alta ( odds ratio, OR=11.0 ) rispetto a quella dei pazienti negativi agli autoanticorpi, e le maggiori probabilità erano indipendenti da età, sesso e deficit neurologico.

Tra i pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule, quelli con autoanticorpi dell'immunoglobina A mirati al recettore N-metil-d-aspartato hanno mostrato una probabilità significativamente maggiore di deficit di memoria verbale ( OR=182.8 ).
Anche gli autoanticorpi contro antigeni attualmente sconosciuti sono stati associati a maggiore probabilità di deterioramento cognitivo ( OR=2.8 ).

In questo studio prospettico, trasversale, più di un terzo dei pazienti con tumore del polmone presentava autoanticorpi neuronali che sono risultati essere associati al deterioramento cognitivo. Questi autoanticorpi potrebbero rappresentare un meccanismo potenzialmente trattabile di deterioramento cognitivo immuno-mediato tra i pazienti con carcinoma polmonare. ( Xagena2021 )

Bartels F et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1302-1310

Pneumo2021 Onco2021 Neuro2021 Farma2021



Indietro