BMS
Roche Oncologia
Novartis
Lung Unit

Carboplatino e Paclitaxel con Linifanib o placebo per cancro del polmone non-a-piccole cellule non-squamoso in stadio avanzato


Linifanib, un potente e selettivo inibitore dei recettori per il fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ) e per il fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGF ), ha attività in monoterapia nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ).

È stato valutato Linifanib con Carboplatino ( Paraplatin ) e Paclitaxel ( Taxol ) come terapia di prima linea del tumore NSCLC non-squamoso avanzato.

I pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso in stadio IIIB / IV sono stati assegnati in modo casuale a cicli di 3 settimane di Carboplatino ( area sotto la curva 6 ) e Paclitaxel ( 200 mg/m2 ) con placebo ogni giorno ( braccio A ), Linifanib 7.5 mg ( braccio B ), o Linifanib 12.5 mg ( braccio C ).

L'end point primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ); gli endpoint secondari di efficacia includevano la sopravvivenza globale ( OS ) e il tasso di risposta obiettiva.

138 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( età media, 61 anni, 57% uomini; 84% fumatori ).

I valori di sopravvivenza mediana libera da progressione sono stati 5.4 mesi nel braccio A ( n=47 ), 8.3 mesi nel braccio B ( n=44 ) e 7.3 mesi nel braccio C ( n=47 ).

Gli hazard ratio ( HR ) per la sopravvivenza libera da progressione sono stati 0.51 per il braccio B versus A ( P=0.022 ) e 0.64 per il braccio C vs A ( P=0.118 ).

I valori di sopravvivenza mediana globale sono stati 11.3, 11.4 e 13.0 mesi nel braccio A, B e C, rispettivamente.

Gli hazard ratio per la sopravvivenza globale sono stati 1.08 per il braccio B vs A ( P=0.779 ) e 0.88 per il braccio C vs A ( P=0.650 ).

Entrambe le dosi di Linifanib sono state associate a un aumento della tossicità, tra cui una maggiore incidenza di eventi avversi noti per essere associati con l'inibizione di VEGF / PDGF.

La firma di biomarker di frammenti plasmatici di antigene carcinoembrionale / citocheratina 19 al basale è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione e a una tendenza al miglioramento della sopravvivenza globale con Linifanib 12.5 mg.

In conclusione, l’aggiunta di Linifanib alla chemioterapia ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione ( braccio B ), con una tendenza modesta verso un beneficio di sopravvivenza ( braccio C ) e un aumento della tossicità che riflette i noti effetti inibitori di VEGF / PDGF. ( Xagena2015 )

Ramalingam SS et al, J Clin Oncol 2015;33:433-441

Pneumo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro