Lung Unit
Tumore Uroteliale
OncoGeriatria
ForumOncologico

Efficacia di Osimertinib nelle metastasi del sistema nervoso centrale nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule


Uno studio ha mostrato che Osimertinib ( Tagrisso ) può essere più efficace contro le metastasi del sistema nervoso centrale ( SNC ) tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) T790M in fase avanzata, rispetto alla chemioterapia a base di Platino più Pemetrexed ( Alimta ).

Le metastasi a livello del sistema nervoso centrale sono comunemente osservate nel tumore NSCLC, con una percentuale di incidenza di quasi il 50% nel corso della malattia.
Molti trattamenti, inclusi inibitori della tirosin-chinasi ( TKI ) di prima e seconda generazione e la chemioterapia, non sono in grado di attraversare efficacemente la barriera ematoencefalica, lasciando un bisogno insoddisfatto in questa popolazione di pazienti.
Precedenti studi avevano dimostrato che Osimertinib può migliorare gli esiti tra i pazienti con metastasi a livello del sistema nervoso centrale.

Per questa analisi di sottogruppo pre-pianificata dello studio di fase III AURA3, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 116 pazienti con tumore NSCLC e positivo per mutazione EGFR T790M e lesioni a carico dle sistema nervoso centrale a ricevere Osimertinib oppure Platino ( Carboplatino o Cisplatino ) più Pemetrexed.
I pazienti eleggibili avevano mostrato progressione con la terapia di prima linea a base di inibitori della tirosin-chinasi di EGFR ( EGFR-TKI ), erano asintomatici / stabili e non richiedevano impiego di steroidi per almeno 4 settimane prima dell'inizio dello studio.

Al momento del cutoff dei dati, il tasso di risposta generale ( ORR ) del SNC tra i pazienti con una o più lesioni misurabili del sistema nervoso centrale ( maggiore o uguale a 10 mm nel diametro più lungo ) trattati con Osimertinib è stato del 70% ( 21 su 30; IC 95%, 51-85% ) rispetto al 31% ( 5 su 16, IC 95%, 11-59% ) tra coloro che hanno ricevuto Platino-Pemetrexed ( odds ratio, OR=5.13, ​​IC 95%, 1.44-20.64, p=0.015 ).

Tra i pazienti con lesioni del CNS non-misurabili e/o misurabili, il tasso di risposta generale è stato del 40% ( 30 su 75, IC 95%, 29-52% ) e del 17% ( 7 su 41, IC 95%, 7-32% ), rispettivamente, tra i pazienti trattati con Osimertinib e Platino-Pemetrexed ( OR=3.24, IC 95%, 1.33-8.81; P = 0.014 ).

La durata mediana della risposta a livello del sistema nervoso centrale tra i pazienti con lesioni del SNC misurabili e/o non-misurabili è stata di 8.9 mesi ( IC 95%, 4.3 - non-valutabili ) per il braccio Osimertinib rispetto a 5.7 mesi ( IC 95%, 4.4-5.7 ) per il braccio Platino-Pemetrexed.

La sopravvivenza mediana libera da progressione del SNC è stata di 11.7 mesi per il braccio Osimertinib e di 5.6 mesi per il braccio Platino-Pemetrexed ( hazard ratio, HR=0.32, IC 95%, 0.15-0.69, P = 0.004 ).

I dati di efficacia a livello del sistema nervoso centrale negli studi di fase 2 e di fase 3 hanno indicato che Osimertinib offre efficacia robusta e duratura contro le metastasi del SNC in pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule T790M-positivo e progressione della malattia con trattamento di prima linea con inibitori della tirosin-chinasi di EGFR. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2018

Onco2018 Pneumo2018 Neuro2018 Farma2018


Indietro