OncoHub
Janssen Oncology
Novartis
Oncologia Morabito

Enfortumab vedotin dopo inibitori PD-1 o PD-L1 nei pazienti non-idonei al Cisplatino con carcinoma uroteliale avanzato: studio EV‑201


Il carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico è generalmente incurabile e ha scarse opzioni di trattamento, specialmente per i pazienti non-idonei al Cisplatino precedentemente trattati con la terapia PD-1 o PD-L1.

Enfortumab vedotin ( Padcev ) è un coniugato anticorpo-farmaco diretto contro nectina-4, una proteina altamente espressa nel carcinoma uroteliale.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Enfortumab vedotin nel contesto post-immunoterapia nei pazienti non-idonei al Cisplatino.

EV-201 è uno studio multicentrico, a braccio singolo, di fase 2 su Enfortumab vedotin nei pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico precedentemente trattati con inibitori PD-1 o PD-L1.
La coorte 2 ha incluso adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con un punteggio ECOG performance status pari o inferiore a 2 che erano considerati non-idonei per il Cisplatino al momento dell'arruolamento e che non avevano ricevuto chemioterapia contenente Platino nel contesto localmente avanzato o metastatico.

Enfortumab vedotin è stato somministrato per via endovenosa alla dose di 1.25 mg/kg nei giorni 1, 8 e 15 di ogni ciclo di 28 giorni.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva confermato secondo i criteri RECIST versione 1.1 valutati da una revisione centrale indipendente in cieco.

L'efficacia e la sicurezza sono state analizzate in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Enfortumab vedotin.
EV-201 è uno studio in corso e l'analisi primaria è completa.

Tra il 2017 e il 2020, 91 pazienti sono stati arruolati in 40 centri in tutto il mondo, di cui 89 hanno ricevuto il trattamento.
Il follow-up mediano è stato di 13.4 mesi.

Al cutoff dei dati nel 2020, il tasso di risposta obiettiva confermato era del 52% ( 46 su 89 pazienti ), con 18 su 89 pazienti ( 20% ) che hanno ottenuto una risposta completa e 28 ( 31% ) che hanno ottenuto una risposta parziale.

In tutto 49 pazienti su 89 ( 55% ) hanno avuto eventi avversi di grado 3 o peggiore correlati al trattamento.
Gli eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 più comuni sono stati neutropenia ( 8 pazienti, 9% ), rash maculopapulare ( 7 pazienti, 8% ) e affaticamento ( 6 pazienti, 7% ).
Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 15 pazienti ( 17% ).

3 pazienti ( 3% ) sono morti a causa di danno renale acuto, acidosi metabolica e sindrome da disfunzione multiorgano ( 1 ciascuno, 1% ) entro 30 giorni dalla prima dose e questi decessi sono stati considerati correlati al trattamento; un quarto decesso per polmonite si è verificato più di 30 giorni dopo l'ultima dose ed è stato anch'esso considerato correlato al trattamento.

Il trattamento con Enfortumab vedotin è risultato tollerato e sono state osservate risposte confermate nel 52% dei pazienti non-ammissibili al Cisplatino con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico precedentemente trattati con inibitori PD-1 o PD-L1.
Questi pazienti hanno poche opzioni di trattamento ed Enfortumab vedotin potrebbe rappresentare una nuova terapia promettente per una popolazione di pazienti con un elevato fabbisogno insoddisfatto. ( Xagena2021 )

Yu EY et al, Lancet Oncology 2021; 22: 872-882

Uro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro