Oncologia Morabito
Roche Oncologia
Cortinovis SCLC 2021
Tumore prostata

Incidenza di eventi cardiovascolari nei pazienti trattati con inibitori del checkpoint immunitario


In rari casi, gli inibitori del checkpoint immunitario ( ICI ) causano miocardite immuno-mediata.
Tuttavia, la reale incidenza di altri eventi avversi cardiovascolari maggiori ( MACE ) dopo il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario rimane sconosciuta, principalmente perché gli effetti collaterali tardivi sono raramente riportati negli studi clinici prospettici.

Gli obiettivi di uno studio sono stati identificare l'incidenza e i fattori di rischio di eventi MACE in una coorte di tumore trattata con inibitori del checkpoint immunitario nella vita reale e confrontare i tassi di incidenza con pazienti con tumore che non sono trattati con inibitori del checkpoint immunitario e controlli della popolazione.
In totale, sono stati inclusi 672 pazienti trattati con inibitori del checkpoint immunitario.

L'endpoint primario era rappresentato dagli eventi MACE, un composito di sindrome coronarica acuta, insufficienza cardiaca, ictus e attacco ischemico transitorio ( TIA ).
Gli esiti secondari erano la sindrome coronarica acuta e l’insufficienza cardiaca separatamente.
I tassi di incidenza sono stati confrontati tra i gruppi dopo l’abbinamento in base all'età, al sesso, alla storia cardiovascolare e al tipo di cancro.

L'incidenza di MACE è stata del 10.3% durante un follow-up mediano di 13 mesi. Nell'analisi multivariata, una storia di insufficienza cardiaca ( hazard ratio, HR=2.27; P=0.043 ) e cardiopatia valvolare ( HR=3.01; P=0.041 ) è rimasta significativamente associata agli eventi MACE.

I tassi di incidenza cumulativa sono risultati significativamente più alti nel gruppo con inibitori del checkpoint immunitario rispetto alla coorte di cancro non-esposta agli inibitori del checkpoint immunitario e ai controlli della popolazione, principalmente a causa di un rischio più elevato di eventi di insufficienza cardiaca.

Gli eventi cardiovascolari durante e dopo il trattamento con inibitori del checkpoint immunitario sono risultati più comuni di quanto attualmente apprezzato.
I pazienti a rischio sono quelli con una storia di malattie cardiovascolari.

Rispetto alla coorte di cancro abbinato e ai controlli della popolazione, i tassi di incidenza di eventi MACE sono risultati significativamente più alti, suggerendo un potenziale effetto dannoso del trattamento con inibitori del checkpoint immunitario oltre al rischio alla base. ( Xagena2022 )

Laenens D et al, J Clin Oncol 2022; 40: 3430-3438

Cardio2022 Onco2022 Farma2022



Indietro