Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori GenitoUrinari
Tumore rene

MPDL3280A, un nuovo trattamento immunoterapico per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule


In uno studio clinico di fase I, MPDL3280A, un nuovo trattamento immunoterapico, ha prodotto un alto tasso di risposta in un piccolo gruppo di pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, pesantemente pretrattati.
Le risposte sono risultate maggiori nei pazienti che erano fumatori rispetto ai non-fumatori.

MPDL3280A è un anticorpo monoclonale che agisce sul pathway della morte programmata ( PD ), e ha come bersaglio il ligando alla proteina PD ( PDL ). Questa via blocca la risposta del sistema immunitario al cancro; l’azione anti-PDL1 rimuove questo blocco, aumentando in tal modo la risposta immunitaria del paziente al cancro.

MPDL3280A si è rivelato ben tollerato; non sono stati riscontrati casi di polmonite di grado 3-5, che, invece, erano stati riportati in precedenza con il blocco PDL1/PDL2.
Tutti gli eventi avversi osservati con MPDL3280A erano di grado 1/2 e non hanno richiesto alcun intervento, con l'eccezione di 1 caso di un evento avverso immuno-correlati di grado 3/4 in un paziente con carcinoma polmonare neuroendocrino a grandi cellule.

I dati sono stati ricavati da uno studio di fase 1, effettuato su 175 pazienti con diversi tipi di tumore, compreso il carcinoma a cellule renali, melanoma, cancro gastrico, sarcoma, e linfoma.
MPDL3280A è stato somministrato mediante infusione endovenosa ogni 3 settimane, e sono state saggiate diverse dosi ( 10, 15, e 20 mg/kg ).

Sono stati presentati i risultati di efficacia riguardanti 53 pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule, circa la metà dei quali erano già stati trattati, in precedenza,con tre linee di terapia.
Il tasso di risposta globale è stato pari al 23% ( 12 pazienti su 53).
Il tempo mediano alla prima risposta è stato di 11.9 settimane, e tutti i pazienti che hanno risposto sono ancora responder ( durata del trattamento da 170 a 534 giorni ).
Il tasso di risposta è stato del 26% nei fumatori ( n=43), rispetto al 10% tra i non-fumatori ( n=10 ).

Sono stati analizzati i tumori facendo uso di tecniche immunoistochimiche per misurare l’espressione di PDL1.
Circa la metà dei pazienti aveva tumori con qualche espressione di PDL1, e in questo gruppo, il tasso di risposta globale è stato del 31% ( 8 pazienti su 26 ).
Nel piccolo sottogruppo di pazienti che hanno mostrato i più alti tassi di espressione di PDL1, il tasso di risposta obiettiva è stato dell'83% ( 5 pazienti su 6 ).
Questo esame può rappresentare un modo per selezionare i pazienti con più alta probabilità di trarre beneficio dal trattamento con MPDL3280A. ( Xagena2013 )

Fonte: European Cancer Congress, 2013

Onco2013 Pneumo2013 Farma2013


Indietro