OncoHub
Novartis
Janssen Oncology
Oncologia Morabito

Pembrolizumab in monoterapia per il trattamento del tumore della vescica non-muscolo-invasivo ad alto rischio che non risponde a BCG: studio KEYNOTE-057


Il trattamento standard per il tumore della vescica non-muscolo-invasivo ad alto rischio è la resezione transuretrale del tumore della vescica seguita dall'immunoterapia intravescicale con BCG ( Bacillo Calmette Guérin ).

Tuttavia, nonostante gli elevati tassi di risposta iniziale, fino al 50% dei pazienti va incontro a recidiva o non-risponde a BCG.
L'attivazione della via PD-1 è implicata nella resistenza a BCG.

Nello studio KEYNOTE-057, è stato valutato Pembrolizumab ( Keytruda ), un inibitore PD-1, nel carcinoma della vescica non-muscolo-invasivo non-responsivo a BCG.

È stato condotto uno studio in aperto, a braccio singolo, multicentrico, di fase 2 in 54 tra ospedali e centri oncologici in 14 Paesi.
Nella coorte A dello studio, sono stati arruolati adulti di età pari o superiore a 18 anni con carcinoma della vescica in situ non-responsivo a BCG confermato istologicamente, con o senza tumori papillari, con un ECOG performance status di 0-2 e che non erano eleggibili o avevano rifiutato la cistectomia radicale.

Tutti i pazienti arruolati sono stati assegnati a ricevere Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane fino a 24 mesi o fino a persistenza, recidiva o progressione della malattia confermate a livello centrale; effetti tossici inaccettabili; o revoca del consenso.

L'endpoint primario era il tasso di risposta clinica completa ( assenza di carcinoma della vescica non-muscolo-invasivo ad alto rischio o malattia progressiva ), valutato mediante cistoscopia e citologia urinaria circa 3 mesi dopo la prima dose del farmaco in studio.
I follow-up dei pazienti sono stati effettuati ogni 3 mesi per i primi 2 anni e successivamente ogni 6 mesi per un massimo di 5 anni.

L'efficacia è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e hanno soddisfatto i criteri di non-risposta a BCG.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2015 e il 2018, sono stati esaminati 334 pazienti per l'inclusione. 186 pazienti non hanno soddisfatto i criteri di inclusione e 47 pazienti sono stati assegnati alla coorte B ( pazienti con Ta di alto grado non-responsivo a BCG o qualsiasi malattia papillare di grado T1 senza carcinoma in situ; i risultati saranno riportati separatamente ).
101 pazienti eleggibili sono stati arruolati e assegnati a ricevere Pembrolizumab.
Tutti i pazienti hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza.

In tutto 5 pazienti presentavano una malattia che non soddisfaceva la definizione della Food and Drug Administration ( FDA ) statunitense di tumore della vescica non-responsivo a BCG e non-muscolo-invasivo e pertanto non sono stati inclusi nell'analisi di efficacia ( n=96 ).

Il follow-up mediano è stato di 36.4 mesi.

39 ( 41%) su 96 pazienti con carcinoma della vescica in situ non-responsivo a BCG con o senza tumori papillari hanno presentato una risposta completa a 3 mesi.

Eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al trattamento si sono verificati in 13 pazienti ( 13% ); i più comuni sono stati artralgia ( in 2 pazienti, 2% ) e l'iponatriemia ( in 3, 3% ). Eventi avversi gravi correlati al trattamento si sono verificati in 8 pazienti ( 8% ).
Non ci sono stati decessi considerati correlati al trattamento.

La monoterapia con Pembrolizumab è risultata tollerata e ha mostrato un'attività antitumorale promettente nei pazienti con tumore della vescica non-muscolo-invasivo non-responsivo a BCG che hanno rifiutato o non erano idonei alla cistectomia radicale e dovrebbe essere considerata un'opzione di trattamento non-chirurgico clinicamente attiva in questa popolazione difficile da trattare. ( Xagena2021 )

Balar AV et al, Lancet Oncology 2021; 22: 919-930

Onco2021 Uro2021 Farma2021


Indietro