Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore polmone
Tumore rene

Radioterapia con fascio di protoni e concomitante chemioterapia per cancro al polmone non-a-piccole cellule non-resecabile in stadio III


La radioterapia a fascio di protoni ( PBT ) ha il potenziale per ridurre gli effetti tossici nella gestione definitiva del tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) localmente avanzato, ma mancano dati prospettici a lungo termine.

Sono stati riportati i risultati finali ( a 5 anni ) di uno studio prospettico che ha valutato la chemioterapia concomitante e la radioterapia a fascio di protoni ad alte dosi per trattare il tumore NSCLC in stadio III non-resecabile.
Nello studio in aperto, a gruppo singolo, con follow-up mediano di 27.3 mesi per tutti i pazienti e 79.6 mesi per i sopravvissuti, sono stati arruolati e analizzati 64 pazienti; i criteri di inclusione erano tumore NSCLC in stadio IIIA/IIIB non-resecabile confermato, performance status Karnofsky da 70 a 100 e perdita di peso 6-mesi prediagnosi non-superiore al 10%.
La stadiazione ha utilizzato la tomografia ad emissione di positroni e/o la tomografia computerizzata.
E' stata consentita la chemioterapia di induzione.

È stata eseguita la chemioterapia concomitante ( Carboplatino - Paclitaxel ) e la radioterapia a fascio di protoni passivamente diffusa ( 74-Gy efficacia biologica relativa ) in tutti i pazienti.

I principali esiti erano: sopravvivenza globale ( OS ), sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), metastasi a distanza e recidiva locoregionale.
I modelli di fallimento del trattamento sono stati classificati come locali / regionali o distanti.
Gli effetti tossici acuti e tardivi sono stati assegnati in modo prospettico utilizzando i CTCAE, versione 3.0.

Su 64 pazienti ( 22 donne, 34%, età mediana 70 anni, stadio IIIA, 30, 47%; IIIB, 34, 53% ), 17 ( 27% ) erano vivi all'ultimo follow-up.

La sopravvivenza mediana globale è stata pari a 26.5 mesi ( OS a 5 anni, 29% ). 
La sopravvivenza libera da progressione a 5 anni è stata del 22%; le metastasi a distanza a 5 anni e la recidiva locoregionale sono state del 54% ( n=36 ) e del 28% ( n=22 ), rispettivamente.

I fallimenti del trattamento sono stati in gran parte distanti ( 31 pazienti, 48% ), con bassi tassi di recidive locali ( 10, 16% ) e regionali ( 9, 14% ).

I tassi di esofagite acuta di grado 2 e 3 sono stati 18 ( 28% ) e 5 ( 8% ), rispettivamente. La polmonite acuta di grado 2 si è verificata in 1 paziente ( 2% ).
Gli effetti tossici tardivi sono stati rari: 1 paziente ( 2% ) ha sviluppato una stenosi esofagea ( grado 2 ) e 1 ( 2% ) esofagite di grado 4.
La polmonite tardiva di grado 2 e 3 si è verificata rispettivamente in 10 ( 16% ) e 8 pazienti ( 12% ).
2 pazienti ( 3% ) hanno sviluppato una stenosi bronchiale ( grado 2 ) e 1 ( 2% ) una fistola bronchiale di grado 4.
Non sono stati rilevati effetti tossici acuti o tardivi di grado 5.

In conclusione, la chemioterapia e la radioterapia a fascio di protoni, concomitanti, per trattare il tumore del polmone non-a-piccole cellule, inoperabile, offrono promettenti esiti clinici e tassi di effetti tossici rispetto ai dati storici della terapia fotonica.
È ancora necessaria una ulteriore ottimizzazione della terapia protonica, in particolare la terapia protonica a intensità modulata. ( Xagena2017 )

Chang JY et al, JAMA Oncol 2017; 3(8):e172032. doi:10.1001/jamaoncol.2017.2032

Pneumo2017 Onco2017



Indietro