Novartis
Janssen Oncology
OncoHub
Oncologia Morabito

Tumore al polmone non-a-piccole cellule EGFR T790M-mutato precedentemente trattato con inibitore della tirosin chinasi di EGFR: efficacia di Osimertinib più Bevacizumab rispetto a Osimertinib


Anche se il trattamento con un inibitore della tirosin chinasi ( TKI ) del recettore del fattore di crescita dell'epidermide ( EGFR ) di prima generazione più inibitore dell'angiogenesi ha mostrato promettente efficacia nei pazienti con adenocarcinoma del polmone e con mutazione EGFR, recenti studi a braccio singolo hanno suggerito che Osimertinib ( Tagrisso ) più inibitore dell'angiogenesi possa non-funzionare sinergicamente.

Sono state esaminate l'efficacia e la sicurezza di Osimertinib più Bevacizumab ( Avastin ) rispetto a Osimertinib da solo nei pazienti con adenocarcinoma polmonare con mutazione EGFR T790M.

Sono stati arruolati nello studio clinico randomizzato West Japan Oncology Group 8715L pazienti con adenocarcinoma al polmone avanzato progredito con un precedente trattamento con EGFR-TKI ( diverso da inibitori TKI di terza generazione ) e con mutazione EGFR T790M acquisita.
Lo studio comprendeva una parte iniziale con 6 pazienti e una successiva parte di fase 2. Nella fase 2, i pazienti sono stati randomizzati a Osimertinib più Bevacizumab oppure al solo Osimertinib.

Il braccio di combinazione ha ricevuto Osimertinib per via orale 80 mg ogni giorno più Bevacizumab per via endovenosa 15 mg/kg ogni 3 settimane fino a progressione o effetti tossici inaccettabili.
Il braccio di controllo ha ricevuto la monoterapia con Osimertinib.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata dai ricercatori.
Gli endpoint secondari erano costituiti dal tasso di risposta globale ( ORR ), dal tempo al fallimento del trattamento ( TTF ), dalla sopravvivenza globale ( OS ) e dalla sicurezza.

Tra il 2017 e il 2018 sono stati registrati in totale 87 pazienti ( 6 nella parte iniziale e 81 nella parte di fase 2, popolazione intent-to-treat ).
Tra quelli randomizzati, l'età mediana era di 68 anni; 33 ( 41% ) erano maschi; 37 ( 46% ) avevano un ECOG performance status pari a 0; 21 ( 26% ) avevano metastasi cerebrali.

Sebbene il tasso di risposta globale fosse migliore con Osimertinib più Bevacizumab rispetto al solo Osimertinib ( 68% vs 54% ), la sopravvivenza libera da progressione mediana non è stata più lunga con Osimertinib più Bevacizumab ( 9.4 mesi vs 13.5 mesi; hazard ratio aggiustato, aHR 1.44; P=0.20 ).

Anche il tempo mediano al fallimento del trattamento è stato più breve nel braccio di combinazione rispetto al braccio Osimertinib ( 8.4 mesi vs 11.2 mesi; P=0.12 ).

La sopravvivenza globale mediana non è stata diversa nel braccio di combinazione rispetto al braccio Osimertinib ( non-raggiunta rispetto a 22.1 mesi; P=0.96 ).

Nel braccio di combinazione, eventi avversi comuni di grado 3 o superiore sono stati: proteinuria ( n=9; 23% ) e ipertensione ( n=8; 20% ).

In questo studio clinico randomizzato che ha confrontato Osimertinib più Bevacizumab versus Osimertinib da solo, il braccio di combinazione non è riuscito a mostrare un prolungamento della sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con adenocarcinoma polmonare avanzato con mutazione EGFR T790M. ( Xagena2021 )

Akamatsu H et al, JAMA Oncol 2021; 7: 386-394

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro