Novartis
Lung Unit
Roche Oncologia
BMS

Tumore al polmone non-a-piccole cellule: la radioterapia non riesce a estendere la sopravvivenza libera da malattia dopo resezione completa


La radioterapia dopo resezione completa non è riuscita a migliorare significativamente la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) a 3 anni in alcuni pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) sottoposti a chemioterapia neoadiuvante.
E' stata riscontrata mancanza di un beneficio significativo riguardo alla sopravvivenza senza malattia tra i pazienti con tumore NSCLC di stadio II-III e coinvolgimento del linfonodo mediastinico.

Questa popolazione di pazienti con coinvolgimento linfonodale è a più alto rischio di fallimento terapeutico a livello metastatico e locoregionale.
La chemioterapia neoadiuvante è stato lo standard di cura per questi pazienti per più di un decennio, ma la questione è rimasta aperta per la radioterapia postoperatoria, tenendo conto che il rischio di recidiva locoregionale è di circa il 30-60% per questi pazienti.

Lo studio LungART, randomizzato e controllato, ha valutato l'uso della radioterapia postoperatoria tra 501 pazienti ( età media, 61 anni; range, 36-85; 66% uomini ) con tumore NSCLC completamente resecato e coinvolgimento linfonodale dimostrato istologicamente / citologicamente.

I ricercatori hanno assegnato in modo casuale 252 pazienti a radioterapia postoperatoria per 5 settimane e 249 pazienti a nessuna radioterapia.

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da malattia. Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza globale ( OS ), il controllo locale, i pattern di recidiva e la tossicità.

La sopravvivenza mediana libera da malattia è stata di 30.5 mesi ( IC 95%, 24-49 ) nel gruppo radioterapico versus 22.8 mesi ( IC 95%, 17-37 ) nel gruppo controllo; i tassi di sopravvivenza DFS a 3 anni sono stati pari a 47.1% versus 43.8% ( HR = 0.85; IC 95%, 0.67-1.07 ).

Le percentuali di sopravvivenza globale a 3 anni hanno favorito il gruppo non-sottoposto a radioterapia ( 68.5% versus 66.5% ).

E' stata riportata una significativa riduzione della ricaduta mediastinica tra i pazienti assegnati alla radioterapia.
Sono stati osservati 36 primi eventi ( 25% ) con la radioterapia rispetto ai 70 primi eventi ( 46.1% ) nel gruppo controllo.
Tuttavia, più decessi si sono verificati nel gruppo radioterapico ( 21 versus 8 ).

Inoltre, con la radioterapia si è manifestata più tossicità di grado da 3 a 4, in particolare tossicità cardiopolmonare ( 11% versus 5% ).

LungART è il primo studio randomizzato europeo che ha valutato la moderna radioterapia postoperatoria dopo resezione completa nei pazienti selezionati che avevano ricevuto chemioterapia in ambiente neoadiuvante.
La radioterapia postoperatoria non può essere raccomandata come standard di cura per tutti i pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule in stadio IIIAN2 completamente resecato. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Pneumo2020 Onco2020



Indietro